(Foto gentile concessione collezione Macaluso Gatto)

di e con
Davide Enia

Musiche in scena
Giulio Barocchieri

Cos’è la notte quando tanto arriva sempre l’urlo della sirena d’allarme per i bombardamenti notturni? Cos’è che non ce la faccio più a mangiare sempre pane nero e allora cerco di pescare le anguille? Cos’è strisciare contro i muri per non farsi vedere dalla milizia fascista? Cos’è cercare l’amuchina al mercato nero? Cos’è che mi servono 1800 lire per le medicine e non so come recuperarle? Cos’è vedere il massacro di Palermo il 9 maggio ’43 e camminarci dentro e non ci sono più le case e nemmeno le strade e non si vede niente che c’è polvere e fumo dappertutto ma comunque quello che vedi nemmanco si riconosce?

Il nuovo lavoro trae linfa da una serie di interviste a persone che subirono quei giorni del maggio ‘43, e ne uscirono miracolosamente illese. Dalla loro narrazione e dai frammenti di memoria raccolti principia l’elaborazione drammaturgica, che scompone e intreccia e rielabora queste testimonianze, per poi incastonarle in un’unica storia. Erano tempi cupi, in cui necessario era ingegnarsi per riuscire a sopravvivere. Erano tempi atroci, in cui la morte cadeva inattesa dall’alto o dal basso dei mercati neri, che stritolavano con prezzi schizzati alle stelle. Erano tempi malati e bugiardi, tempi cinici e bari. Assomigliano ad oggi.

maggio ‘43

…‘U sfollamento, l’amuchina, ‘u pane nìvuro, ‘a milizzia fascista, ‘i biciclette, l’oscuramento, Gino Bartali, ‘a petrolmax, ‘u mercato nero, Ferruccio Tagliavini, ‘a tessera annonaria, i bombardamenti angloamericani, ‘u 9 maggio, 1500 morti in meno di venti minuti, ‘a città di Palermo sventrata e lassàta ‘ntìerra in un bagno di sangue e macerie….

Chìste sono alcune testimonianze raccolte:

…Ca in pratica ‘i stràte ‘un ci nne erano cchiù, ci stavano pezzi ‘i case, travi ‘i legno, balàte… a volte dalle macerie veniva fùora un pezz’i braccio, na ‘amma, na tìesta… io e me frate, che èramo nicarèddi, ‘i chiamàvamo “i fiori ‘i carne”, ‘un ‘u sàcciu picchì… forse p’un scantàrci troppo, forse picchì èramo piccirìddi, forse pi’ scordàrci che nostra matre era scomparsa seppellita da un bombardamento sutt’un muro ‘i cinta proprio davanti ai nostri occhi…
Mimmo C. (1936)

Noi già ‘u conoscevamo ddu rumore… e nni faceva venire ‘u terrore… ‘nu scanto… si sentiva un rumore sordo… TUTUTUUUU… piano piano… ecco: come se non si volessero fare sentire… TUTUTU… aerei che non vorrebbero farsi sentire… non farsi sentire e poi ammazzare però… e questo rumore che… che… io ce l’ho ancora oggi nell’orecchio…
Provvidenza S. (1928)

Spesso i signori americani jittàvano i bumme e jittàvano a mùzzo, ‘un è che taliàvano ùnne le jittàvano, le jittàvano: una: mezzo obbiettivo militare, picchì era un panificio militare, e nove: erano sopra i cristiani che camminavano pi’ ‘i cazzi d’iddi, e iddi ci jittàvano ‘i bumme… (…) Il 9 maggio del 1943 s’apprisantàru sul cielo di Palermo 450 bombardieri americani tutti belli tipo squatruni TATATATATATA: buttana ‘i su matri spunnàta di tutti i lati… avìsseru pigghiàtu un obbiettivo militare!

I cupertùna vecchia di macchine, anzicché jittàrli, ‘i tagghiàvamu tutti quanti strisce strisce… ‘Ste strisce di cupertùna di autobus ‘i rifilàvamu, facèvamu ‘a suola e la appiccicàvamu ‘nta scarpa. Nna punta ri scarpe, nei tacchi, avèvamo escogitato di fabbricare delle strisciette di metallo per cui sia il tacco sia la punta della scarpa accussì non venivano sottoposte a usura, picchì si ci applicava nna punta e nnu tacco sti lamierine metalliche. E perciò nun sulu ‘i scarpe chi i cupertona, ma macari chi ‘i lame di metallo, chi ‘u scruscio che facèvamo, parèvamo tutti Fred Aster TATATA’ TATATA’… vabbè, ‘u cristianu ca arrivava si sentiva ‘i tremila e ducentu chilometri ‘i luntanu… Na arranciuliàvamu accussì…
Umberto D. (1924)